Biografia

Bio_MAZZARELLA_smallNasce a Napoli il 24 maggio 1925, e difenderà sempre le sue origini napoletane anche dopo che la famiglia si stabilisce a Milano, dove il padre ha trovato un’occupazione migliore.

Si laurea in medicina e chirurgia nel 1950 e lavora per alcuni anni come pediatra in ambulatori e ospedali pubblici.

Si sposa nel 1957 con Fausto Lanzi e ha due figlie, Renata e Paola.

Nel 1970 inizia un’analisi con Fabio Minozzi e viene in contatto con l’opera di Jung, che inizia presto a studiare.

Oltre ai seminari del CIPA (Centro Italiano di Psicologia Analitica) segue i corsi tenuti a Küsnacht, in Svizzera, da Marie-Louise von Franz, che assume la supervisione dei suoi casi.

Ottiene l’ammissione al CIPA nel 1977 con una tesi su Jung e Dante (Il processo di individuazione e la Divina Commedia).

Nel 1980 partecipa a un importante incontro che si svolge a Zollikon (Svizzera) nella casa di Dora Kalff, l’allieva di Jung che ha ideato la Sand Play Therapy (terapia del “gioco della sabbia”). Da questa riunione nasceranno negli anni seguenti sia la ISST (International Society for Sandplay Therapy), sia l’AISPT (Associazione Italiana per la Sand Play Therapy), di cui Adriana Mazzarella è membro fondatore nonché didatta.

Importanti sono poi altri incontri con gruppi e terapeuti stranieri, come José Zavala, del gruppo di studio di Valencia, e con Dieter Baumann, nipote di Jung, che dal 1984 sarà ospite ogni mese nella sua casa di Milano.

Nel 1991 esce il suo libro Alla ricerca di Beatrice, Il viaggio di Dante e l’uomo moderno (ed. In/Out), più volte ristampato (con Vivarium) fino all’ultima edizione del 2015 (Alla ricerca di Beatrice, Dante e Jung, ed. Edra). Il libro è tradotto e pubblicato in inglese, prima con Vivarium (2001), quindi in formato e-book con Edra (2015); è tradotto e pubblicato anche in tedesco con Vivarium (2001).

Nei decenni seguenti svolge con passione la sua attività di analista, didatta e studiosa, con seminari e incontri in varie città d’Italia e in giro per il mondo, da Oxford ad Albuquerque. Studia la Bhagavad Gita e l’Oriente, approfondisce la riflessione sulla poesia e sulla musica, che col maestro Enrico Fortini porta nei seminari del CIPA. Fino a quando le forze cominciano a mancarle.

Chiude gli occhi il 5 febbraio 2015.

Vedi il ricordo affettuoso e commosso delle figlie di Adriana – Renata e Paola Lanzi – nella sede del CIPA a Milano il 25 marzo 2015 a questo link

 

 

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *